Home > Aree tematiche > Igiene Urbana Animale - Area D > Viaggiare con cani / gatti e furetti

Viaggiare con cani / gatti e furetti

Semplificazione amministrativa per agevolare gli spostamenti degli animali a seguito dei viaggiatori

Regolamento CE/576/2013. Dal 1° Ottobre 2004 è obbligatorio il "Passaporto Europeo" (PE) per cani, gatti e furetti che viaggiano all'interno dei 28 Paesi della Unione Europea (elenco 1) a scopo non commerciale.

Il PE oltre ai dati del proprietario e dell'animale (fotografia facoltativa) DEVE riportare la vaccinazione antirabbica, eseguita obbligatoriamente dopo l'impianto del microchip nell'animale, e i successivi richiami ogni undici o trentacinque mesi, da registrare a cura del medico veterinario curante, a pag. 8. I richiami, se fatti regolarmente, di norma 1 volta ogni undici o trentacinque mesi, mantengono la validità del PE che dura per tutta la vita dell'animale.

Se la vaccinazione viene interrotta, il PE torna ad essere valido a decorrere dal 21° giorno successivo al nuovo ciclo vaccinale antirabbico completo. Gli animali devono essere obbligatoriamente identificati con tatuaggio o microchip, i cani devono essere iscritti all'anagrafe canina regionale.

Per i paesi: Finlandia, Regno Unito, Malta e Svezia, è indispensabile eseguire un trattamento profilattico per la Tenia Echinococco, regolarmente registrato nel passaporto, entro un periodo non superiore a 120 ore e non inferiore a 24 ore prima della data prevista di entrata.

Per Regno Unito e Malta è indispensabile eseguire un trattamento contro pulci e zecche, effettuati non più tardi di 48 ore dall'arrivo e non prima di 24 ore dalla partenza.

Il PE vale anche per alcuni paesi terzi, riportati nell'elenco 2.

Per movimenti a carattere non commerciale dall’Italia di cani, gatti e furetti a seguito di viaggiatori

Il certificato sanitario dell'UE per animali è un altro tipo di documento, che contiene informazioni specifiche sul tuo animale (identità, salute, vaccinazione antirabbica) e si basa su un modello standard dell'UE.

Se viaggi da un paese o da un territorio extra UE, il tuo animale da compagnia deve essere dotato di un certificato sanitario dell'UE rilasciato da un veterinario ufficiale appartenente al servizio veterinario pubblico del paese di partenza non più di 10 giorni prima dell'arrivo dell'animale da compagnia nell'UE. Il certificato è valido per i viaggi tra paesi dell'UE per 4 mesi a decorrere da tale data o fino alla scadenza della vaccinazione antirabbica.

In aggiunta, occorre compilare e allegare al certificato sanitario del tuo animale da compagnia una dichiarazione scritta attestante che il viaggio dell'animale non è dovuto a motivi commerciali. Tale dichiarazione è richiesta anche se il tuo animale da compagnia viaggia sotto la responsabilità di una persona da te autorizzata. In questo caso, il tuo animale deve essere ricongiunto con te entro 5 giorni dal tuo trasferimento. Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Cosa serve:

  • La vaccinazione contro la Rabbia NON deve essere inferiore ai 21gg e NON superiore agli 11 mesi;
  • Certificato di Visita del veterinario Libero Professionista di “buona salute del cane” o compilata relativa pagina sul passaporto (fatta il più vicino possibile alla data di partenza, non + di 10gg prima, verificare sempre cosa richiede lo Stato di destinazione);
  • Il certificato ha una durata di 10 gg dalla data di rilascio; se scade può essere rinnovato dallo Stato di Destinazione per il rientro previo nuova visita fino ad un massimo di 4 mesi;
  • Per alcuni Paesi è richiesta Titolazione Anticorpale, (Stati che non rientrano nell'elenco parte 2 art.13 par.2 Reg. UE 576/2013), altri non lo richiedono ma serve per il rientro in Italia;
  • Per alcuni Stati sono richieste vaccinazioni/trattamenti particolari(es:Echinococco), l’utente deve informarsi sempre in largo anticipo presso i siti web o le ambasciate o la compagnia di trasporto (aerea, navi, traghetti, ect);
  • Alcuni Stati richiedono la “Legalizzazione” del certificato presso la prefettura (da informarsi) principalmente il Brasile;
  • Il certificato per il Brasile, reperibile sul sito del Ministero, va compilato dal veterinario libero professionista che lo firma, controfirmato dal Direttore del servizio veterinario, ha una durata di 60gg (non deve essere fatto prima di 10gg dalla partenza). Per maggiori informazioni CLICCA QUI
  • Portare il tuo animale in Gran Bretagna: per maggiori informazioni CLICCA QUI

Per informazioni consultare l'elenco delle SEDI IGIENE URBANA ANIMALE

Per movimenti a carattere commerciale dall’Italia di cani, gatti e furetti a seguito passaggio di proprietà

Quando lo spostamento di un pets avviene a seguito di passaggio di proprietà a scopo commerciale occorre contattare il Veterinario ufficiale del Distretto veterinario di competenza territoriale (serve anche il passaporto per gli Stati UE che và rilasciato a nome del proprietario Italiano e poi farà passaggio di proprietà).

Tutti i cani/gatti/furetti per essere movimentati a carattere non commerciale:

  • devono essere identificati tramite sistema elettronico (microchip ISO11784);
  • essere sottoposti a vaccinazione antirabbica in corso di validità (ci sono deroghe per cuccioli non vaccinati Reg.577/2013 accompagnati da certificazione come modello All.I parte 1 - , l’Italia non accetta però questa certificazione);
  • essere muniti di passaporto per i Paesi della Comunità Europea e/o certificato sanitario internazionale per i Paesi Terzi.

Il costo del rilascio del passaporto è di 12,50 €, il pagamento può essere effettuato presso le Casse dei distretti dell’ Asl dove viene rilasciato il documento.

Per collegarsi alla pagina richiesta passaporto CLICCA QUI

Per informazioni consultare l'elenco delle SEDI IGIENE URBANA ANIMALE

A marzo 2023 l'Unione europea conta 27 Stati membri:

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.

Elenco dei territori e dei paesi terzi di cui all’articolo 13, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 576/2013.

ELENCO I ELENCO II

Pet passport, il Regno Unito diventa Paese Terzo

Cani, gatti e furetti britannici perdono il passaporto dell'UE. Dopo la Brexit potranno viaggiare nella UE come da un Paese Terzo. Più facile viaggiare dall'Unione.

Il Regno Unito entra nell'elenco dei Paesi Terzi ai fini degli spostamenti non commerciali di cani, gatti e furetti. Lo rende noto Christine Middlemiss, Capo veterinario del Regno Unito.

Dal 1 gennaio 2021 -con la Brexit pienamente efficace- i cittadini britannici potranno continuare a viaggiare con il proprio pet verso l'Unione Europea ma gli attuali certificati sanitari europei (pet passport) perderanno di validità. Saranno sostituiti da documentazione veterinaria analoga, ma senza gli emblemi dell'Unione Europea. La transizione che si chiude al 31 dicembre 2020 porterà ad una situazione meno complicata di quanto temuto, ma non esattamente uguale a prima.

I proprietari britannici dovranno assicurare che i loro pet siano stati microchippati, vaccinati contro la rabbia almeno 21 giorni prima del viaggio, trattati contro le infezioni da tenia ed accompagnati da un certificato di salute animale (Animal Health Certificate). Le stesse regole si applicheranno anche agli animali in viaggio dalla Gran Bretagna verso l'Irlanda del Nord.

Requisiti e validità

Tutti i proprietari di animali domestici dal Regno Unito avranno bisogno di un AHC per viaggiare dopo il 1 gennaio 2021. I veterinari nel Regno Unito potranno iniziare a rilasciare il certificato (AHC) dal 22 dicembre 2020. Un AHC è valido per 10 giorni dalla data di rilascio per l'ingresso nell'UE ed è valido solo per ogni singolo viaggio nell'Unione. Resta valido per il per il proseguimento dei viaggi all'interno dell'UE per 4 mesi dalla data di rilascio. E' inoltre valido per il rientro in Gran Bretagna per 4 mesi dalla data di emissione.(*)

I certificati veterinari saranno bilingue scritti sia in inglese che nella lingua ufficiale di ogni paese dell'UE, quindi i proprietari dovranno richiedere al veterinario il certificato con la seconda lingua del Paese in cui si recheranno.

Dalla UE verso il Regno Unito

Non ci saranno modifiche agli attuali documenti per gli animali domestici che entrano in Gran Bretagna dall'UE o dall'Irlanda del Nord. Viaggiare dall'UE sarà più facile perché il Regno Unito ha dichiarato che, per il momento, continuerà ad accettare i passaporti per animali dell'UE emessi in data antecedente al 1 gennaio 2021.

E' consigliato consultare le pagine ufficiali del governo di Londra prima di mettersi in viaggio:

https://www.gov.uk/bring-pet-to-great-britain/listed-and-unlisted-countries
https://www.gov.uk/taking-your-pet-abroad

Sito ufficiale dell’Unione Europea

Viaggiare nell'UE con animali da compagnia e altri animali CLICCA QUI

Nuove disposizioni per l’Australia

Nuove disposizioni per la movimentazione di cani e gatti verso l'Australia CLICCA QUI

Certificazioni per esportazione

Certificati particolari per Stati Terzi (Brasile, Australia, Perù) CLICCA QUI

Ultimo aggiornamento: 10/08/2023
Condividi questa pagina: